loading spinner
Solo online Respiratore mascherina Made in Italy senza valvola a norma Ingrandisci

Protezione viso Made in Italy senza valvola a norma 3/5/10 pezzi

StickersLab

Nuovo

  • Mascherina Made in Italy realizzate a Cremona da azienda Italiana.
  • Strato esterno in Poliestere, 3 strati filtranti in polipropilene, filtrazione ad alta efficienza idrorepellente e strato a contatto con la pelle in poliestere.
  • Con doppio elastico e ferretto naso regolabile.
  • I materiali utilizzati hanno superato i test che il POLITECNICO di MILANO ha appositamente realizzato.
  • Per alte quantità contattateci via mail o telefono.
    Venute a confezioni da 3/5 o 10 pezzi. IMMEDIATAMENTE DISPONIBILI

Maggiori dettagli

Questo prodotto non è più disponibile

9,95 €

Consegna Gratuita da 50€

Reso Gratuito in Italia

Pagamenti Sicuri al 100%

Assistenza 0521 1870015

Mascherine filtranti prive del marchio CE e prodotte in deroga alle normative vigenti per uso rivolto alla collettività, da utilizzare a scopo precauzionale rispettando le disposizioni di distanziamento sociale  (1mt) e altre regole precauzionali introdotte.
Protegge te e gli altri!
Come da Decreto Legge 18 del 17/03/2020
(art. 15 e 16) e successiva nota interpretativa
(prot. 3572 del 18/03/2020)

La mascherina prodotta dalla nostra azienda, è stata realizzata a tempo record per rispondere nel modo più immediato possibile all’emergenza che ti stiamo vivendo, volendo dare un contributo positivo alla collettività ed anche alla nostra azienda.
Non abbiamo voluto improvvisare nulla ed abbiamo avviato un percorso tecnico e tecnologico finalizzato alla produzione di mascherine con prestazioni significative.

Non esiste una normativa specifica: le mascherine tipo FFP sono mascherine antipolvere destinate a proteggere solo chi le indossa, e solo dalle polveri. Inoltre quelle dotate di valvola di espirazione, che molti scambiano con un filtro, sono altamente sconsigliabili perché in fase di espirazione la valvola si apre facendo potenzialmente uscire il virus.

D’altra parte le mascherine chirurgiche sono concepite, non per proteggere chi le indossa, ma gli altri. Offrono filtrazione particellare inferiore ma devono rispettare test di filtrazione batterica molto severi.

In questo contesto abbiamo studiato un prodotto che potesse essere la sintesi dei due, per proteggere chi le indossa e chi gli sta vicino.
Offrono una eccellente 
protezione Batterica, ottima idrorepellenza e buona capacità filtrante.

I materiali utilizzati hanno superato i test che il POLITECNICO di MILANO ha appositamente realizzato.

Queste mascherine non costituiscono DPI, non possono essere utilizzate in un ambiente lavorativo che per i rischi connessi (fumi polveri vapori...) prevede l’utilizzo di DPI.

Sicuramente però questo prodotto offre prestazioni certificate che possono rappresentare una barriera utile anche in ambito lavorativo, in abbinamento alle altre azioni che continuamente ci vengono suggerite, (distanziamento sociale di 1 metro, lavarsi spesso le mani...)

Ad oggi le mascherine sono classificabili per uso rivolto alla collettività, come da decreto Legge 18 del 17/03/2020 (articoli 15 e 16) e successiva nota interpretativa (prot.3572 del 18/03/2020):

In particolare, l’art. 15 introduce disposizioni derogatorie e precisa le caratteristiche tecniche ed i requisiti di sicurezza delle mascherine e di DPI prodotte ed immesse in commercio nel corso dell’attuale situazione emergenziale, nonché il relativo iter procedurale autorizzativo da seguire.

L’art. 16 distingue le misure protettive che lavoratori e collettività sono tenuti ad adottare.

La successiva Nota interpretativa del Ministero della Salute (prot. 3572 del 18/3/2020), precisasoprattutto, l’ambito di applicazione dell’art. 16 e, in particolare, la distinzione tra le misure previste a favore dei lavoratori e quelle previste a favore della collettività; per i primi è prescritto l’uso degli specifici dispositivi di sicurezza, per la collettività sono sufficienti mascherine filtranti prive del marchio CE e prodotte in deroga alle normative vigenti, che assicurino di non determinare danni o rischi aggiuntivi. Per la produzione e l’immissione in commercio delle mascherine in uso alla collettività, è precisato, inoltre, che non siapplica l’iter procedurale autorizzativo previsto dall’art. 15 dello stesso DL 18/2020.

Ci auguriamo di avere chiarito tutti gli aspetti tecnici e di utilizzo della nostra mascherina sperando che possa essere utile e funzionale all’uso che vorrete farne.

Scrivi una recensione